J.D.I.
di Giandiego Amira

Curiosità

Dal 2000 professionista in ambito ICT collabora con le maggiori aziende di informatica della provincia di Sondrio aprendo 2 aziende in ambito Informatico e Management.

Scacchi, Politica e Pazzia

Tre Elementi fondamentali, costantemente ed indistricabilmente interconnessi tra loro, spingono Giandiego Amira a fondare la seconda azienda specializzata in Logistica e Management.

Nato nel 1984, sin da giovane fortemente interessato al mondo dell’Information Technology, Giandiego sviluppa la propria professionalità in tale direzione.

Le esperienze lavorative lo portano a stretto contatto con numerose realtà della provincia e fuori, avvicinandolo negli anni sempre più ad una seconda passione che lo coinvolge in prima persona: il comparto Turistico.

I due ambiti, fortemente connessi, fanno sì che venga creata una prima azienda – A.D.A.M. (Application Development And Maintenance) – che collabora con realtà turistiche, eventi e ri-oganizzazione tecnologica di alcune aziende della provincia di Sondrio e Milano.

Il continuo accrescimento professionale, studio e corsi, portano A.D.A.M. ad optare per un ambito poco richiesto in provincia e come sfida personale, aggiungendo l’innovazione tecnologica e comunicativa sviluppata poi in J.D.I.

Da tempo remoto, fonda l’associazione politica Rinascita Italiana, che raccoglie numerosi rappresentanti di tutta Italia, sino a quando nel 2014 entra a far parte del gruppo operativo di CambiaMorbegno, lista civica vincente durante le amministrative dello stesso anno.

A settembre del 2017 viene nominato presidente del Consorzio Turistico di Morbegno che ad oggi rappresenta e collabora con realtà più o meno piccole del comparto tecnologico, turistico e commerciale della provincia di Sondrio e della regione Lombardia.

Il Logo

Neppure il logo viene lasciato al caso.

Rappresentazione di un cavallo del gioco degli scacchi, rappresentante logica e strategia.

Rappresentazione del numero “2”, seconda azienda di Giandiego Amira.

J.D.I. il soprannome con cui Giandiego è conosciuto, coniato da un ex collega presso un’azienda informatica della provincia di Sondrio.

Posizione

Contatti

Aggiornamenti

Casa Vinicola
Pietro Nera

Curiosità

La Torre di Chiuro della Famiglia Nera, nata nel 2009, permette di visitare le storiche cantine dell'azienda vinicola e di degustare vini Nera accompagnati dai prodotti tipici di Valtellina e Valchiavenna.

1940: La nascita di una passione forte nel tempo

La viticultura eroica che caratterizza la produzione dei vini valtellinesi, è una tradizione di lunga data per la famiglia Nera che, nel 1940, con Guido Nera, al quale poi succede Pietro Nera alla fine degli anni ’50, e la fondazione dell’azienda Agricola Nera Caven nel 1982 ora di proprietà dei fratelli Stefano e Simone, portano in alto il nome della casa vinicola, con riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale.

Uve eccellenti date da una vigna forte e rigogliosa, in grado di resistere maggiormente agli attacchi delle principali crittogame che interessano la vite.

Nelle cantine di Chiuro, le uve raccolte vengono sapientemente vinificate dalla famiglia Nera in botti di rovere, barriques e tonneaux.

La produzione spazia sia per denominazione del territorio Valtellinese, sia per la tipologia di lavorazione e qualità, producendo di volta in volta Sforzati, Valtellina Superiore nelle sottosezioni Sassella, Inferno, Grumello, Valgella e relative Riserve.

I più classici rossi di Valtellina ed i meno blasonati Bianchi, sino al Passito Rosso completano la produzione vitivinicola della famiglia Nera.

Wine Bar

Nel 2009, presso le cantine di Chiuro, viene aperto un nuovo punto vendita aziendale e Wine Bar, dove è possibile degustare e conoscere i grandi vini Nera, accompagnati dai prodotti tipici di Valtellina

Orari di Apertura

08:00 - 22:00
(orario continuato)
08:00 - 21:00
(orario continuato)
Sabato
Lunedì
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
Domenica

Posizione

Contatti

Casa Vinicola Pietro Nera

Azienda Agricola Caven Camuna

Aggiornamenti

Socio Fondatore: Comune di Morbegno

Aggiornamenti

Ristorante Ancora Morbegno

Curiosità

Originari della Val Tartano, aprono nel 2017 il Ristorante Ancora Elio e la moglie Patrizia, in un'atmosfera raccolta e familiare.

Tradizione ed Evoluzione della cucina Tipica

Il Ristorante Ancora, situato nel centro storico di Morbegno, lungo una delle vie che porta al Palazzo del Municipio e Chiesa di San Pietro, accoglie i suoi visitatori con il particolare ingresso a volta, caratteristico degli edifici storici di Morbegno.

Al suo interno, Elio e la moglie Patrizia, supportati dall’intero team di cuochi e professionisti del settore, vi accoglie per farvi degustare piatti della tradizione Valtellinese, e delle forte radici della Val Tartano, ed in ugual modo stimola la curiosità con iniziative particolari, cene a tema, evoluzioni del gusto e dei sapori  di gusti e sapori, in un ambiente caratteristico.

La cantina a volta, classica dell’architettura di Morbegno, permette di ospitare aperitivi e buffet organizzati dal personale di sale e direttamente dai titolari del ristorante.

Il Menu

Business Lunch

Menu Degustazione

Menu di Stagione

I Giovedì del Bollito

Venerdì e Sabato Specialità di Mare

Posizione

Contatti

Aggiornamenti

La Spia

Ristorante e Cantina

Curiosità

Sin dai tempi dei Grigioni, "La Spia" identificava il promontorio di vedetta sul punto del fiume Adda, chiamato "Lago della Spia"

Un calice tra i vigneti

Nel territorio del Nebbiolo, in quel promontorio che sovrasta il “Lago della Spia”, nasce il rosso di Valtellina prodotto dall’azienda agricola di Michele Rigamonti: La Spia.

La viticoltura eroica che caratterizza queste zone, clima e peculiarità del suolo, permettono all’azienda di produrre vini destinati al lungo invecchiamento conferendo una buona freschezza ai mosti traducendosi in un’elevata finezza ed eleganza dei vini prodotti.

Il nettare prodotto viene arricchito da uno degli artisti più importanti del panorama italiano: Luca Pignatelli, accettando la richiesta di Michele Rigamonti di rappresentare il territorio di Valtellina e Valchiavenna in tre iconiche rappresentazioni in bianco e nero poste sull’etichetta delle bottiglie.

Dagli stessi vigneti nasce anche il Ristorante La Spia, il cui ingresso, nascosto tra imponenti edifici della zona industriale, attraverso una dolce scalinata e qualche passo attraverso i vigneti dell’azienda agricola, vi porta a degustare là dove i Grigioni controllavano il fiume Adda.

La località Sassella si arricchisce quindi di arte e passione, producendo un vino che negli anni acquisisce valore, struttura ed appartenenza al territorio montano.

Il Menu

Pranzi di Lavoro

Aperitivi

Cene con Menu alla carta

Posizione

Contatti

Aggiornamenti